10 dicembre: una proposta dal Dicastero della Vita Consacrata

Siamo felici di inviare, in allegato,

il Programma della presentazione online del documento di questo Dicastero

“Il dono della fedeltà, la gioia della perseveranza”

giovedì prossimo 10 dicembre dalle ore 15:00 alle ore 18:00 (da Roma).

Dal momento che la pandemia ci impedisce di fare la presentazione in modalità presenziale, per la prima volta possiamo offrirla non solo con chi è a Roma, ma con molte più persone attraverso il canale YouTube. Vi chiediamo per questo di condividere questo invito con tutti i consacrati e le consacrate del vostro Paese.

Sul sito del nostro Dicastero www.congregazionevitaconsacrata.va è possibile trovare il link per collegarsi, cliccando due volte sull’icona della presentazione, e poi sulla bandiera che indica la lingua di preferenza.

Papa Francesco, nella recente Enciclica Fratelli tutti, ci invita a sognare insieme: “Ecco un bellissimo segreto per sognare e rendere la nostra vita una bella avventura. Nessuno può affrontare la vita in modo isolato […]C’è bisogno di una comunità che ci sostenga, che ci aiuti e nella quale ci aiutiamo a vicenda a guardare avanti. Com’è importante sognare insieme! […]” (N. 8).

Confidiamo che la presentazione di questo libro sia uno spazio per sognare insieme una vita consacrata più fedele, più gioiosa e più perseverante.

Daniela Leggio

Promozione e formazione della vita consacrata


25 novembre 2020

Il 25 novembre, festa di Santa Caterina di Alessandria, è una data molto importante per tutte le angeline,  le suore orsoline e gli “amici di Sant’ Angela”: si ricorda la fondazione della Compagnia, a Brescia, nel 1535.

Quest’anno la pandemia ha reso impossibile la presenza di tante persone presso il Santuario di Sant’Angela, ma la diretta streaming ha permesso di seguire i momenti significativi che si sono svolti. Il nostro grazie va a chi li ha organizzati.

Alleghiamo ora la sintesi presentata su “La voce del popolo”, il settimanale diocesano della Diocesi di Brescia.


Per chi desidera riascoltare gli interventi sul canale YouTube può cliccare i link qui sotto:

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.


Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Compleanno di Compagnia 2020

 

BRESCIA 25 novembre 2020 – COMPLEANNO di COMPAGNIA
485° anno di Fondazione della Compagnia di Sant’Orsola

 

“La pandemia, ci impedisce di riunirci e di incontrarci, ma grazie alla collaborazione con il Centro Mericiano, la Cim e  l’Ufficio per le Comunicazioni sociali della Diocesi di Brescia, è possibile seguire la celebrazione in streaming su canale Youtube e pagina Facebook de “La Voce del Popolo”

https://www.youtube.com/user/vocemedia/

https://www.facebook.com/lavocedelpopolobrescia/

Unite insieme nello spirito della nostra fondatrice S. Angela Merici che, in obbedienza allo Spirito Santo, 485 anni fa, fece fiorire a gloria di Dio questa forma mirabile di vita, vi invitiamo a seguire con cuore grande e riconoscente questo appuntamento.”

Un libro interessante…

È stato pubblicato un nuovo e interessante libro: Riforme di vita cristiana nel Cinquecento italiano

Querciolo Mazzonis* approfondisce i suoi studi sulla spiritualità dei movimenti riformatori italiani del Cinquecento. Angela Merici figura tra i protagonisti del suo nuovo libro.

Prendendo in esame le radici del pensiero di Angela, e alcuni personaggi e scritti del suo tempo che potrebbero averla influenzata, Mazzonis propone una nuova teoria sul periodo di riflessione e la fondazione della Compagnia di Sant’Orsola. La santa bresciana è vista all’interno di una corrente riformatrice “non-convenzionale”, alternativa sia al Protestantesimo sia al Cattolicesimo ufficiale, che promuoveva una nuova concezione della vita cristiana attraverso la quale riformare la società (più che la Chiesa).

Il libro presenta lo sviluppo delle orsoline nel Nord Italia dopo il Concilio di Trento, sotto la guida del Cardinale Borromeo e di altri vescovi a lui vicini.

 


*Querciolo Mazzonis insegna Storia del cristianesimo all’Università di Teramo. Ha pubblicato anche una monografia su Angela Merici (CUAP, Washington DC, 2007) e diversi saggi sulla religiosità femminile nel Rinascimento e nella Controriforma.

Una esperienza…

Sempre molto interessante partecipare alle Assemblee annuali CIIS!

Se ne tengono due all’anno a cui partecipano i Responsabili Generali degli I.S. che sono iscritti alla “Conferenza Italiana Istituti Secolari”.

Le Assemblee, che da alcuni anni sono aperte anche ai Coordinatori delle CIIS locali (Diocesane e Regionali) sono occasioni di incontro, di confronto e, particolarmente, di studio, approfondimento, aggiornamento intorno a quei temi che ci “sono propri”, a motivo della specifica vocazione dei loro Membri.

Dopo che l’assemblea di maggio 2020 era stata sospesa causa Covid, il programma già predisposto per maggio, è “slittato” alla successiva assemblea di ottobre (9/11) che, per grazia di Dio, si è potuta tenere in presenza, presso l’ospitale Casa dei Passionisti, che ci hanno agevolato in ogni modo.

Abbiamo così avuto la preziosa occasione di incontrarci intorno a un “argomento” quanto mai … e sempre attuale per noi: “ESSERE PROFETI NELLE STORIA E VOCE AUTOREVOLE DELLA CHIESA”.

Lascio alla lettura dei testi, che verranno pubblicati integralmente sulla rivista “Incontro”.

Desidero unicamente, qui, sottolineare l’importanza, la validità di queste Assemblee che ci mettono insieme;  che nel rispetto dei carismi propri di ciascun Istituto Secolare, offrono aiuti alla riflessione comune su quei temi “trasversali” che tutti ci accomunano: in primis la nostra presenza nel mondo da “consacrati”, cioè da persone che, rispondendo a una personale specifica chiamata, hanno scelto di vivere per Dio e per il suo Regno rimanendo laici tra i laici.

M.R.R.

Primo anniversario di Monsignor Gaetano Zito

Una persona speciale ti fa vedere ciò che sei veramente.

Ti riconsegna a te stesso.

Ti ricongiunge a quella parte di te che credevi di aver perduto.

Una persona speciale trova la tua anima,

la sfiora con delicatezza e le soffia il vento necessario

perchè si rialzi in volo.

7 ottobre 2020

È trascorso un anno dalla prematura scomparsa di Monsignor Gaetano Zito e Catania rivive le emozioni di quel solenne funerale con un cardinale, 13 Vescovi, numerosi sacerdoti,   fedeli,  studenti, amici, rappresentanti di associazioni , gruppi ecclesiali, università, centri culturali,  comunità religiose,

Forse l’ultimo grande evento celebrato nella Cattedrale di Catania prima della pandemia del coronavirus. […]

Nel corso dell’anno in più occasioni è stata ricordata la sua opera e il suo ministero sacerdotale e culturale a servizio della città. In occasione della presentazione del libro “Chiesa di San Benedetto a Catania: storia, arte e spiritualità”  di Fernando Massimo Adonia; in occasione della morte del Comm. Luigi Maina, custode della tradizione storica e civica della festa di S.Agata e del primo anniversario del prof. Antonino Blandini, che fa parte della triade agatina della città di Catania che ora dal cielo accompagna e segue gli eventi delle cittadini, ora vincolati dalle rigide norme preventive del contagio Covid-19

Particolarmente significativa è stata la cerimonia di intitolazione a Mons Zito dell’aula magna dell’Istituto Ardizzone Gioeni  ed il suo ricordo è sempre vivo nel cuore degli amici.

In occasione del suo funerale è stato scritto che “quando muore un sacerdote nel cielo ci accende una stella” ed ora nel nostro cielo la stella brilla luminosa  e guida in cammino nel sentiero della storia in costante e rapido mutamento.

di Giuseppe Adernò (fonte)

Nello stesso carisma… con responsabilità 03/2020

LETTERA DELLA PRESIDENTE DELLA FEDERAZIONE

Cercate e vogliate tutti quei mezzi
e quelle vie che sono necessarie
per perseverare e progredire
fino alla fine.

(lettera proemiale) 

In questi mesi, i media (tv, radio, giornali) ci martellano il cervello di “buone maniere” per il bene proprio e altrui, per la sicurezza propria e degli altri. Ci chiedono, anzi, ci obbligano a distanziamento e minacciano isolamento. L’incertezza e la paura del presente e del futuro fa da padrona. La rabbia e la delusione cresce. La sofferenza e la morte causata dalla pandemia si trasforma in contestazione e ricerca del colpevole. La speranza lascia il posto alla tristezza. La fede è minacciata, la carità languisce… Questa aria pesante, che respiriamo (nonostante le mascherine) ci fa sentire l’esigenza di aria fresca, di ossigeno, di respirare a pieni polmoni. O ci adeguiamo invece a questo clima e ci lasciamo poco a poco morire? Con S. Paolo ci chiediamo: “Chi mi libererà da questo corpo votato alla morte?” Sperimentiamo tutta la fatica di camminare in questa nebbia che ci impedisce di vedere ampi orizzonti e abbiamo il fiato corto causa questo inquinamento di idee o addirittura per mancanza di idee e progetti…. chi ci libererà, chi ci guarirà?

Siamo creature, pertanto fragili e vulnerabili, ma siamo figli/figlie pertanto amati/amate dal Padre che nella Sua opera di Creatore continuamente ci ripete: “Sei cosa molto buona. Tu sei prezioso ai miei occhi. Ti ho amato di amore eterno. Il tuo nome è scritto nei cieli. Ti ho scelto. Sono in te tutte le mie sorgenti. Vieni e seguimi. Non avere paura. Io ho vinto il mondo”. Questa è la Parola che salva, questo è il nostro Dio, questo è il Suo Figlio Gesù, nostro Fratello, Maestro, Pastore, Amatore, Sposo.

Questo è lo Spirito di Verità che dà Vita, riaccende la speranza e sostiene la fede! Abbiamo legato la nostra vita a quella di Gesù. In S. Angela abbiamo visto la strada per amarlo, conoscerlo sempre meglio e servirlo con fedeltà nei fratelli sulle strade del mondo. Nella Compagnia abbiamo individuato il mezzo e la via per progredire e perseverare fino alla fine, il luogo dove ci si affina nella relazione con Dio, con le sorelle, con il mondo, con ogni cosa con cui veniamo in contatto, sia esteriore che interiore. Il carisma della consacrazione secolare riconosciuto dalla Chiesa come “Compagnia di S. Orsola”, fondata da S. Angela è una grande e immensa grazia che gratuitamente ci ha raggiunte, ci ha riscaldato il cuore e ci ha aperto orizzonti e spazi per attraversare la vita con animo lieto sempre pieno di carità, di fede di speranza in Dio. La vocazione: un mistero di speranza, di gioia, di fedeltà di Dio che solo se accolta in noi e in pienezza ci rende stabili e credibili. “Senza dubbio infatti potrà restare fedele solo quella persona che vorrà anche abbracciare mezzi e vie necessarie a questo fine […] bisogna che siamo vigilanti, in quanto l’impresa è di tale importanza che non potrebbe essercene una di importanza maggiore, perchè ne va della nostra vita e della nostra salvezza”. In S. Angela e nella moltitudine di figlie che l’hanno seguita lungo i secoli, (nei 485 anni di storia che ha la fondazione della Compagnia) scorgiamo la meta verso cui anche noi siamo incamminate: “essere spose del Figliolo di Dio e diventare regine in cielo”.  

Questo è il nostro futuro. Ogni cosa e ogni appuntamento importante però, va sempre preparato con cura e passione, anche nei dettagli, perciò avviamoci, mettiamoci all’opera. Come? “Su da brave, dunque! Abbracciamo questa santa Regola che Dio per sua grazia ci ha offerto.” Lascio alla tua ferma volontà di seguire il Signore, al tuo grande desiderio di servirlo e al tuo cuore sempre assetato di amore, sfogliare le pagine della Regola e trovare in essa quella parola unica e vitale per te e scritta solo per te, perchè tu abbia gioia, pace e benedizione. Coraggio, il carisma mericiano è per oggi. Oggi c’è bisogno di umanità, di affabilità, di conforto, di consolazione, di vigilanza e di attenzione, di discernimento e di affidamento, di rispetto e di dignità, di luce e di verità, di sobrietà e di umiltà. La strada è questa. Percorriamola a piccoli passi e “unite insieme”.

Solo così, la nostra Speranza si riaccende, la nostra Fede si ripulisce da emozioni e suggestioni e diventa più bella e profonda, solo così la Carità diventa fiamma che riscalda e le relazioni nonostante distanziamento e isolamento diventano sale e lievito che danno sapore e saziano la fame di molti.

Cara Sorella giovane e dai grandi desideri, cara sorella anziana, stanca ma fedele a Dio e alla vita, cara sorella responsabile che sei nella Compagnia per essere custode e madre di altre sorelle: Cerca e usa tutti quei mezzi e quelle vie che sono necessarie per perseverare e progredire fino alla fine e…. la gioia, la pace e la benedizione abiterà il tuo cuore.

Valeria Broll

Il dono della fedeltà – la gioia della perseveranza

Manete in dilectione mea (Gv 15,9)

La Congregazione per la vita consacrata ha pubblicato nei mesi scorsi un documento dal titolo: «Il dono della fedeltà, la gioia della perseveranza». 

Papa Francesco, in un libro intervista sulla vita consacrata così si esprime:  «Possiamo ben dire che in questo momento la fedeltà (dei consacrati) è messa alla prova. Siamo di fronte a una emorragia che indebolisce la vita consacrata e la vita stessa della Chiesa. Gli abbandoni nella vita consacrata ci preoccupano. È vero che alcuni lasciano per un atto di coerenza, perché riconoscono, dopo un discernimento serio, di non aver mai avuto la vocazione, però altri, con il passare del tempo vengono meno alla fedeltà, molte volte solo pochi anni dopo la professione perpetua. Che cosa è accaduto?». (F. Prado, La forza della vocazione, EDB 2018).

Né lui né la Congregazione per la vita consacrata hanno nascosto le cifre inquietanti delle uscite: da 2 a 3.000 all’anno. Che cosa sta succedendo alla vita consacrata?

Questo nuovo documento, dopo una breve introduzione, è suddiviso in tre parti:

  • Lo sguardo e l’ascolto
  • Ravvivare la consapevolezza
  • La separazione dall’Istituto

La parte conclusione invita a “rimanere nell’amore di Dio (Gv 15,9).

Su un tema così delicato come la decisione di uscire dalla vita consacrata sono necessari sia uno sguardo attento come un ascolto sincero. Si punta molto sul discernimento dell’interessato, dell’accompagnatore e delle comunità. «Prospettare il momento dell’uscita come percorso di accompagnamento vocazionale vuol dire lavorare assieme per un discernimento che continua ad avere senso anche e soprattutto nei momenti più delicati e importanti della vita, in una prospettiva di inclusione, nel rispetto delle diversità delle scelte del fratello e della sorella» (n. 46). Liberamente si è entrati e liberamente si può uscire, ma sono necessarie serietà e coerenza.

San Cataldo 2020

24 giugno 2020

Santa Messa in Chiesa Madre di San Cataldo (CL), Sicilia, in occasione del 73° anniversario del pio transito della venerabile Marianna Amico Roxas. Celebrazione partecipata anche al tempo del Covid 19, nel rispetto delle norme di distanziamento disposte dalle autorità competenti. L’evento ha visto diversi devoti in preghiera per chiedere grazie per intercessione della venerabile sancataldese.

Noi della Compagnia della diocesi Caltanissetta abbiamo affidato, anche, ciascuna sorella e tutta la Compagnia sparsa nel mondo alle cure materne di Marianna Amico Roxas, che ha tanto amato il singolare dono della vocazione, ha avuto un rapporto particolare con sant’Angela e non ha risparmiato fatiche ed energie perché l’Opera, la Compagnia, si diffondesse in fedeltà al carisma mericiano.

Le sorelle della Compagnia di Sant’Orsola della diocesi di Caltanissetta

La fatica di cogliere il nuovo (Atti 10,1–11,18)

Don Flavio Marchesini, sacerdote della diocesi di Vicenza, direttore del Coordinamento della Pastorale e dell’Ufficio per la Famiglia della sua Diocesi, è stato relatore a un nostro Convegno Internazionale a Roma e presso alcune Compagnie.

Ci offre in questa meditazione, a partire dai capitoli 10 e 11 degli Atti degli Apostoli, e alla luce della Pentecoste, degli spunti interessanti per la nostra formazione permanente o continua.

Le sue provocazioni sono in sintonia con quanto chiede papa Francesco in EG 25-33 dove parla di “pastorale in conversione”: «Spero che tutte le comunità facciano in modo di porre in atto i mezzi necessari per avanzare nel cammino di una conversione pastorale e missionaria, che non può lasciare le cose come stanno» (n. 25). E ancora: «Sogno una scelta missionaria capace di trasformare ogni cosa, perché le consuetudini, gli stili, gli orari, il linguaggio e ogni struttura ecclesiale diventino un canale adeguato per l’evangelizzazione del mondo attuale, più che per l’autopreservazione» (n. 27).